Profilo delle conoscenze linguistiche: il vostro profilo plurilinguistico in cinque passi

Nel profilo delle conoscenze linguistiche fornite indicazioni delle vostre competenze nelle diverse lingue.

Passo 1: scegliere la lingua

Scegliete una lingua straniera nella quale avete già delle conoscenze e scrivetene il nome nella tabella riassuntiva.

Passo 2: valutare una competenza, per esempio Ascoltare 

Osservate la griglia per l’autovalutazione. Questa griglia descrive su una scala di sei livelli graduata da A1 fino a C2, le conoscenze che una persona ha in una lingua straniera, sempre in modo differenziato per le competenze linguistiche

  • Ascoltare
  • Leggere
  • Partecipare a una conversazione
  • Parlare in modo coerente
  • Scrivere.

Focalizzate ora la vostra attenzione sulla competenza “Ascoltare“. Leggete tutte le descrizioni da A1 fino a C1. Dove situate la vostra abilità momentanea? In che misura riuscite a capire correttamente la lingua in situazioni normali? Notate il livello che corrisponde alla vostra conoscenza. 

Passo 3: riportare l’autovalutazione nella tabella

Riportate nella cella adeguata della tabella riassuntiva il livello raggiunto nella competenza specifica. Sulla sinistra indicate la data; tratteggiate ora tutte le celle da sinistra fino al livello momentaneo massimo, così come indicato nell’esempio.

Con questa procedura avete compiuto tre passi importanti nella compilazione del vostro Passaporto linguistico, in modo partcolare un’autovalutazione della vostra abilità nell’ascolto nella lingua straniera scelta. Capire ciò che si ascolta è una competenza parziale nell’ambito delle conoscenze linguistiche. Le frasi “Sono in grado di …” descrivono i sei livelli di abilità raggiunti da un discente in una determinata competenza parziale e sono definite “descrittori”. Le celle tratteggiate indicano il livello delle vostre conoscenze. Le celle rimaste bianche, sulla destra della zona tratteggiata, simboleggiano i prossimi passi d’apprendimento.
L’autovalutazione delle vostre conoscenze linguistiche è molto importante: dovreste ripeterla periodicamente.  

 

I prossimi passi

Passo 4: valutare le altre competenze nelle lingue scelte

Eseguite ora un’autovalutazione delle altre competenze nella lingua straniera scelta, vale a dire Leggere, Partecipare a una conversazione, Parlare in modo coerente e Scrivere. Anche per queste competenze parziali – come è stato il caso per Ascoltare – trovate i sei livelli di abilità nella griglia per l’autovalutazione. Riportate nella tabella con i profili delle conoscenze linguistiche del vostro Passaporto anche i risultati emersi dall’autovalutazione delle altre quattro competenze. Noterete eventualmente che nella lingua scelta avrete raggiunto livelli diversi nelle varie competenze; quale esempio, potrebbe essere possibile che abbiate raggiunto il livello B2 nella competenza Leggere e il livello A2 nella competenza Parlare in modo coerente. 

Passo 5: valutare in modo autonomo tutte le altre lingue straniere 

Effettuate ora un’autovalutazione per tutte le lingue straniere che conoscete. Nella pagina Profili delle competenze linguistiche compilate una tabella d’assieme per ognuna di queste lingue. Compilate una tabella d’assieme anche se, in una lingua, la sola competenza valutabile è Leggere. Procedete in base ai passi da 1 a 4.

Badate che la griglia per l’autovalutazione è disponibile nel Passaporto delle lingue in quattro versioni: italiano, tedesco, francese, inglese. Potete anche scaricarla dal settore Download. Se vi servissero traduzioni in altre lingue, per esempio nel caso di programmi di scambio, le trovate all’indirizzo Portfolio delle lingue-sito web del Consiglio d’Europa.